BOOKS & ARTICLES
Iconografie del cibo: Piero Manzoni e la pubblicità del suo tempo
Jennifer Coffani

in “Palinsesti, Contemporary Italian Art On-line Journal”, n. 5, Università di Trento, Dipartimento di Lettere e Filosofia, pp. 41-59, 2016

L’articolo si propone di chiarire il rapporto tra il lavoro di Piero Manzoni dopo i suoi Achromes e il marketing pubblicitario del suo tempo. Opere come la Merda d’artista sembrano suggerire un confronto ironico, ma anche metalinguistico, tra Arte e feticismo del merchandising. Analizzando il rapporto tra le sue opere e alcune risorse visive pubblicitarie, gli articoli cercano di aprire una nuova riflessione su Manzoni come precursore di alcuni atteggiamenti New Dada e Pop Art radicale nei confronti della cultura di massa

Pubblicità , “Epoca”, 19 marzo 1961

The article aims at clarifying the relationship between the work of Piero Manzoni after his Achromes and the advertising marketing of his time. Works such as the Merda d’artista seem to suggest an ironic, but also metalinguistic, comparison between Art and merchandising feticism. Analysing the relationship between his works and some advertising visual resources the article tries to open a new reflection on Manzoni as a forerunner of some New Dada and radical Pop Art attitude toward mass culture

Pubblicità Simmenthal, “Corriere della Sera”, 9 agosto 1960

Pubblicità Jolly, “Epoca”, 2 aprile 1961

Pubblicità Cirio, “Epoca”, 9 aprile 1961

☛ Link alla rivista online / Link to the web magazine


BOOKS & ARTICLES
Excremental value. Piero Manzoni’s ‘Merda d’artista’
John Miller
“Tate etc.”, issue 10, Summer 2007
BOOKS & ARTICLES
Il Caccautore
Francis Earl
BOOKS & ARTICLES
Breve storia della “Merda d’artista”
Flaminio Gualdoni
BOOKS & ARTICLES
Un campione del nostro tempo
Romano F. Cattaneo